L’altro Barbiere: Paisiello secondo Voceallopera

Il Barbiere di Siviglia di Giovanni Paisiello
Dramma giocoso in due atti, 1782

Spazio Teatro 89, Milano, 15 febbraio 2017

Interpreti
Figaro – Carlo Checchi
Rosina – Graziana Palazzo
il Conte d’almaviava – Néstor Losàn
Dott Bartolo – Luca Simonetti
Don Basilio – Luca Vianello
Il Giovinotto/Alcade – Maurizio De Valerio
Lo Svegliato/ Notaro – Gabriele Faccialà

Orchestra Giovanile VoceAllOpera
Direttore d’Orchestra Ferdinando Sulla
Costumi – Sara Marcucci
Regia e Scene Gianmaria Aliverta

L’associazione musicale Voceallopera ha scelto come titolo per la prima opera dell’anno (si proseguirà con Madama Butterfly) Il Barbiere di Siviglia di Paisiello: la scelta è intelligente poiché soddisfa la voglia di novità e la curiosità degli appassionati, strizza l’occhio all’omonimo rossiniano più celebre e si concilia con le esigenze e le capacità attoriali di un giovanissimo cast. Lo spettacolo si è svolto in forma semiscenica con costumi e qualche oggetto di scena presso lo Spazio Teatro 89 in una sala dalle giuste dimensioni per mettere a proprio agio i giovani protagonisti. Si è avuta così l’occasione di ascoltare un’opera spesso citata ma davvero di rara rappresentazione, opera che si colloca nel solco della tradizione dell’opera buffa italiana del settecento e che, eccetto forse per un finale primo che si conclude con l’aria di Rosina, ne adotta tutti gli stilemi tipici.

La regia (Gianmaria Aliverta) di impostazione moderna fra tappetini di yoga e t-shirt ha il pregio di raccontare la storia e far divertire il pubblico con i pochissimi mezzi a disposizione. Si sarebbero forse potuti curare meglio i movimenti scenici in alcuni passaggi ma anche lo spazio a disposizione non era molto.

La piccola orchestra ha accompagnato con brio, a tratti fin eccessivo, le ben conosciute vicende del Conte e di Figaro. Fra i brani più riusciti citiamo l’aria di Figaro Scorsi già molti paesi, cantata dal bravo e preciso Carlo Checchi e l’aria della Calunnia, brani destinati ad essere oscurati dai più celebri pezzi rossiniani ma gustosi anche nella loro prima versione. Ha cantato bene anche Graziana Palazzo (Rosina) la quale ha dimostrato di possedere una tecnica superiore a quella dei colleghi e una certa sicurezza nella salita all’acuto. Néstor Losàn come Conte ha dato prova di avere una voce corposa ma forse non sufficientemente leggera per la parte. Citiamo poi il Bartolo di Luca Simonetti e un Basilio scenicamente travolgente interpretato da Luca Vianello.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...